imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

EVENTI

NEWS

NOTA CRITICA

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

RECORD SICILIA: Modica ha due monumenti iscritti nella classifica FAI "I Luoghi del Cuore"Siglato un protocollo d’intesa tra la Scuola/Rete “DiCultHer” e Badia Lost & FoundNuova vita per il Castello Svevo di Augusta, che si appresta a divenire spazio musealeAGENDA URBANA PER SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE: NUOVI FINANZIAMENTI DALLA REGIONE SICILIANASPETTACOLO: ARRIVANO I CONTRIBUTI PER LE PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHEMirco Mannino, giovane vlogger del milanese, che ha deciso di raccontare la Sicilia su YouTubeA TRAPANI RIAPRE I BATTENTI LA MOSTRA "LA CITTÀ AUREA. URBANISTICA E ARCHITETTURA A TRAPANI NEGLI ANNI '30"IL MUSEO DEL MARE PALERMO: TORNA A SCOPRIRE LE SUE ORIGINIOBS è vincitrice del progetto ministero affari esteriISTRUZIONE: LA REGIONE FINANZIA LA FORMAZIONE IN ATTIVITÀ MOTORIA

Timballo di anelletti alla palermitana per il martedì grasso

2021-02-15 15:42

Francesca Brancato

News, Lo sfizio, notabilis, palermo, lo sfizio, cucina siciliana, anelletti alla palermitana, pasta,

Timballo di anelletti alla palermitana per il martedì grasso

La tradizione palermitana nel piatto, ideale per chiudere il carnevale in bellezza

anellettiallapalermitana-1613394105.jpg

In questo carnevale senza costumi e sfilate di carri colorati possiamo almeno dedicarci un momento goloso in cucina, rispolverando la ricca tradizione culinaria siciliana, con uno dei suoi grandi classici, abbondanti e decadenti come solo la nostra regione ci sa dare.

 

Tutto parte dalla cittadina di Trabia, nel palermitano, dove durante la dominazione saracena vennero edificati dei mulini ad acqua sfruttati nella produzione di farina di grano duro, ingrediente fondamentale per la produzione di quello che poi sarebbe diventato un alimento base della cucina mediterranea: la pasta. Tra le prime documentazioni ralsenti al 1.000 d.C. un tipo di pasta salta sicuramente all'occhio: l’anelletto, dal diametro di circa un centimetro e una superficie ruvida era il formato di pasta ideale per la preparazione di un particolare piatto, oggi simbolo della cucina di quella parte di Sicilia: il timballo di anelletti alla palermitana.

Questo piatto molto goloso, come già anticipato, ha una lunga storia. Il formato di pasta che è alla base della ricetta, è proprio tipico della Sicilia (non mi è mai capitato di trovarlo in altre regioni d'Italia e i miei parenti, ancora oggi, de ne fanno spedire numerosi pacchi insieme alle casse di agrumi). La particolare forma è frutto della dominazione saracena, perché gli anelletti riproducevano la forma degli orecchini d'oro sfoggiati dalle donne saracene, appunto a forma di cerchio o anello. Non solo, si deve proprio ai Mori conquistatori l'invenzione della cottura a sformato o timballo, poi sostituita con quella attuale della basta che tutti utiliziamo quotidianamente, con acqua bollente e sale. 

La ricetta si è poi tramandata nei secoli, diventando una tipica pasta al forno panormita dove, oltre alla pasta, troviamo ragù con piselli, formaggio tipo tuma o caciocavallo, se vi piacciono i sapori intensi, melanzane fritte e uova sode. 

 

Vi consigliamo di preparare questo piatto per il vostro martedì grasso, ultimo giorno delle festività carnascialesche e gustarlo in famiglia. Di seguito le dosi e la ricetta.

timballo-di-melanzane-e-anelletti-siciliani-recipe-main-photo-1613399319.jpg

INGREDIENTI:

- ragù già pronto e condito con piselli q.b. (in base anche alla grandezza della vostra teglia;

- 750 gr di anelletti;

- 200 gr di tuma o caciocavallo;

- 1 melanzana viola tonda grande;

- burro e pngrattato per la teglia q.b.;

- parmigiano per l'effetto gratinato.

Preparare le uova sode e friggete le melanzane tagliate a fette spesse circa 1 cm in abbondante olio di semi (potete anche usarle arrostite, per una ricetta più leggera, ma sarebbe una sorta di sacrilegio!). Quando ragù, uova e melanzane saranno pronte, cuocere gli anelletti in abbondante acqua salata. PARTICOLARITÀ di questa pasta: per il formato e il tipo di lavorazione è difficile che scuocia, ma voi mantenetela al dente, altrimenti con la seconda cottura in forno diventeranno troppo molli. Una volta cotti, trasferiteli in pentola, aggiungete la salsa del ragù senza carne o piselli, giusto per colorare la pasta; aggiungete anche 3 cucchiai di parmigiano e amalgamate tutto a fuoco spento. A questo punto, preparate la vostra teglia, rivestita con burro e spolverata di pangrattato. Questo passaggio servirà a non far attaccare la pasta alla teglia.

 

È il momento di comporre il timballo. Preferite una teglia tonda, possibilmente con il buco al centro e di alluminio, ma andrà bene qualunque teglia avrete a vostra disposizione. Come primo strato mettete una parte di anelletti fino a coprire, aggiungere uno strato di ragù, aggiungete il formaggio tagliato a fette, poi le uova tagliate a fette e le melanzane. Chiudete con l’ultimo strato di anelletti, da coprire con un po’ di sugo e cospargete la superficie con l’ultimo cucchiaio di parmigiano.

In questo modo otterrete il timballo "nudo". Se invece vorrete ottenere il timballo rivestito di melanzane, dopo lo strato di burro e pangrattato rivestite la teglia con le fette di melanzane fritte, leggermente sovrapposte le une alle altre. Così facendo, una volta ribaltato il timballo, otterrete quell'effetto wow!

 

Ultimo passaggio: infornate a 200° C con forno statico, se non si forma la crosticina potete accendere il grill per qualche minuto. Servite i vostri anelletti al forno alla palermitana ben caldi e godetevi il vostro goloso carnevale!

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder