imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

EVENTI

NEWS

NOTA CRITICA

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

L'isola di Ustica si rimette a nuovo in vista della prossima stagione turistica“Scent of Zagara”: dall’Etna alla Conca d’oro il travel video del Distretto Agrumi per il rilancio turistico della SiciliaIl Ministro Franceschini auspica la riapertura di cinema e teatri in zona giallaArabi nel Val di Noto: un webinar ha fatto luce sulla questioneSOTTOSCRITTO IL CONTRATTO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA ARCHEOLOGICA DELLA CAVA D'ISPICA (RG)SEGESTA: SCOPERTO INGRESSO MONUMENTALE DELL'AGORÀINNOVAZIONE DIGITALE - COSTITUZIONE DEL POLO SIKELIARiserva di Vendicari in fiamme, l'oasi a rischioTrovato prezioso reperto archeologico a Mussomeli (CL)A Catania 40 associazioni scendono in campo per dare nuova vita a edifici dismessi

GRANI ANTICHI: AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE UN PROGETTO DI AGRI-CULTURA SOLIDALE

2021-03-29 11:59

Redazione

News, Lo sfizio, notabilis, regione siciliana, Covid-19, beneficienza, Parco Archeologico di Selinunte, grani antichi siciliani,

GRANI ANTICHI: AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE UN PROGETTO DI AGRI-CULTURA SOLIDALE

La tradizione agroalimentare autoctona dell'Isola riprende vita

parcoarcheologicoselinunte-1617011660.jpg

Lo chiamano il "grano degli dei" e cresce nei terreni che interessano i Templi del Parco archeologico di Selinunte, dove, con il coordinamento del consorzio Gian Pietro Ballatore, che fa capo all'Assessorato regionale siciliano all' Agricoltura, sono stati recuperati i grani antichi, oggi trasformati in semola da destinare a iniziative di beneficenza.

A&S - Agricoltura & Solidarietà è un progetto messo a punto dall'ESA in risposta alla crescente domanda di derrate alimentari proveniente dalle famiglie sempre più alle prese con la difficoltà socio-economica provocata dall'emergenza Covid-19. Grazie a quest'iniziativa è stato possibile distribuire alle organizzazioni del volontariato oltre 25 quintali di grano molito prodotto presso l'Azienda Sperimentale di Campo Carboj e Sparacia.

«Attraverso un momento di solidarietà e condivisione abbiamo voluto dare respiro a un progetto di recupero e valorizzazione del patrimonio culturale regionale che si esprime nella compresenza di tutti quegli elementi che contribuiscono a realizzare ciò che è caratterizza un luogo: arte, storia, patrimonio monumentale ma anche paesaggio, tecniche colturali, riti, miti, genomi. Il valore aggiunto che offre la Sicilia - sottolinea Alberto Samonà, assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana - consiste proprio in questo: nella capacità di esprimere la modernità attraverso il recupero di codici antichi che ci restituiscono il gusto del tempo e della bellezza. E la Sicilia è moderna nella capacità di avere saputo preservare e custodire il passato».

 

«La terra è di tutti ed è il punto di partenza ideale affinché ognuno possa esprimere le proprie potenzialità, dalla capacità produttiva alla naturale attitudine all'ascolto e alla risoluzione di problematiche sociali. Il periodo emergenziale che stiamo attraversando - dice l'assessore regionale all'Agricoltura e alla Pesca, Toni Scilla - sta evidentemente restituendo all'agricoltura il ruolo nobile e primario di garante della sopravvivenza con la produzione di cibo. Da qui il chiaro insegnamento che tra la ruralità e il futuro c'è solo il buon senso e la solidarietà».

 

Per il direttore del Parco Archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, Bernardo Agrò, si tratta di una stagione che apre a nuove iniziative finalizzate alla piena fruizione e all'ottimizzzazione delle risorse. Dopo i Cantieri della conoscenza, che hanno permesso ai visitatori di partecipare attivamente ai risultati relativi all'ultima missione di scavi condotta dalla New York University e dalla Statale di Milano, sono stati inaugurati i Cantieri del gusto con i grani antichi e i legumi coltivati dal Consorzio Ballatore e con il vino prodotto dal vigneto impiantato all'interno del Parco dalla cantina Settesoli. I prodotti della terra e i cereali in particolare rappresentano uno dei punti di forza della civiltà selinuntina, come dimostrano numerosi reperti archeologici, e costituiscono ancora oggi componente fondamentale della nostra cultura agroalimentare e della dieta mediterranea che l'Unesco ha riconosciuto come patrimonio immateriale dell'umanità.

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder