imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

EVENTI

NEWS

NOTA CRITICA

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Aci Castello: va in scena "C’era una volta…una rotonda sul mare", riedizione della storica manifestazione degli anni ’50-’70SITU Festival Il primo Festival di residenze d’Arte Contemporanea all’interno di Spazi SacriNOTO E NOTO ANTICA SUL PALCO DEL GIFFONI FILM FESTIVALDillo alla luna: la nuova raccolta di poesie di Giacomo Ortisi, verrà presentata a SiracusaAvola è pronta per la seconda edizione della rassegna "In Direzioni"Tosca porta le musiche dal mondo all'Alkantara Fest 2021Capitale Italiana della Cultura 2024: si candida anche Siracusa tra le 24 proposteAl Teatro Antico di Taormina tornano le "Emozioni" di Mogol e Gianmarco CarrocciaIl lungo week end in musica del Festival Stupor Mundi di EnnaAi nastri di partenza la 5° edizione del Mythos Opera Festival, tra Taormina, Catania, Noto e New York

Padrissa e la sua "fura" di Baccanti, magistralmente condotte da Lucia Lavia/Dioniso, travolgono il pubblico s

2021-07-05 15:36

Francesca Brancato

NOTE, Note TEATRO, notabilis, teatro greco siracusa, eventi teatro, eventi siracusa, fondazione inda, 56° ciclo di rappresentazioni classiche, carlus padrissa, lucia lavia, le baccanti,

Padrissa e la sua "fura" di Baccanti, magistralmente condotte da Lucia Lavia/Dioniso, travolgono il pubblico siracusano

La "fura2 delle Baccanti di Padrissa travolge e coinvolge il pubblico siracusano. Ottimi interpreti Lavia e Graziano

Carlus Padrissa, volto e mente dietro al progetto e alla compagnia La Fura dels Baus, ha debuttato ieri al Teatro Greco di Siracusa per la 56° stagione della Rappresentazioni Classiche, con la tragedia di Euripide Le Baccanti nella traduzione di Guido Paduano. Della messa in scena Padrissa firma regia, scene e musiche, le coreografie sono di Mireia Romero Miralles, mentre i costumi di Tamara Joksimovic.

Le Baccanti si sono mostrate estreme, lussuriose, rumorose, colorate e feroci, al seguito del dio Dioniso (ottimamente interpretato da Lucia Lavia) che con il tirso e il vino hanno animato il Teatro Greco di Siracusa, risvegliando i nostri istinti primordiali. Tutto nella norma, direte. Si tratta di materia vista e rivista. Ma così non è.

2021-07-02-215953-dsc5006large-1625492060.jpg

Padrissa nella sua messa in scena di Baccanti rispolvera l’antico e quasi dimenticato deus ex machina greco, inventato migliaia di anni fa e adesso riportato sulla scena, con le sue carrucole, le luci e i suoni. Il coro di Baccanti, interpretato quasi interamente dagli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico di Siracusa, infatti, nella parodo traina un titanico toro meccanico e antropomorfo, mentre alle sue spalle Zeus in Semele, divaricando le gambe, “espelle” il Dio, Dioniso. Successivamente il coro si solleva da terra in un vortice elicoidale rosso purpureo, che mette in scena il baccanale, con i suoi riti antichi e il vino/sangue che scorre a fiumi, infine, lo stesso vortice di voci e corpi, come nell’Inferno dantesco, accompagna l’ascesa di Dioniso al cielo, assumendo una forma circolare, che lo stesso regista ha definito «la metà perfetta a completamento del Teatro, la cui altra metà è il pubblico siracusano». Il coro diventa quindi una sorta di organismo pluricellulare vivo e pulsante, che batte la terra e scuote il tirso al ritmo dei canti del rito e si dimena in danze sfrenate, al punto da investire e coinvolgere il pubblico nella sua trance dionisiaca. La prova d’attore che questi giovani interpreti portano in scena non è solo emotiva, ma soprattutto fisica e a loro va tutto il mio plauso.

A fare da sfondo al coro tutto i canti e i lamenti ancestrali ed armonici (con la talentuosa direzione di Simonetta Cartia ed Elena Polic Greco), che ipnotizzano al pari dei giochi pulsanti di vita e morte che si svolgono davanti ai nostri

antonellofassaritiresiafotopantano-1625492067.jpg

Nella “fura” di Padrissa antico e moderno non sono mai stati così vicini e consimili. A ribadire il legame con le radici del mito è l’albero genealogico disegnato, bianco su nero, che occupa metà della scena e viene illustrato da re Cadmo (Stefano Santospago) che si accompagna con Tiresia (un eccellente Antonello Fassari), il quale, barcollando da dietro un testone metallico, con braccia che escono dai buchi degli occhi a denunciarne la mitica cecità, dà lezioni di teologia a Penteo (Ivan Graziano), che dal canto suo si fa castigatore di costumi e difensore della morale, un po’ infantile un po’ isterico. Allo stesso tempo le parole di Cadmo, ora politico opportunista che cavalca l’onda del nuovo culto ora grande padre annichilito dal dolore per la tragedia appena compiutasi, assumono un tono nostalgico per i tempi andati quando, nel rievocare la moglie Armonia, intona con Tiresia “La stagione dell’amore” di Battiato (espediente grottesco, ma molto apprezzato).

ivangrazianopenteolucialaviadionisofotocentaro-1625492072.jpg

Alla fine della tragedia si erge a gran voce l’urlo: “Todos somos Baco”. Slogan, quanto mai politico, ispirato alle proteste delle donne messicane del 2019, che ritroviamo anche sullo striscione che il coro porta in scena, con cartelli e tamburi, dopo che la vendetta di Dioniso nei confronti di Penteo è ormai compiuta. Siamo tutti Dioniso, quindi, ma anche Penteo: Dioniso è uomo (o donna in questo caso!) e Dio, mentre Penteo è sia un governatore incorruttibile che un groviglio di istinti e desideri repressi e, come tale, Dioniso si prende gioco di lui e delle sue invettive.
Una sola cosa resta da dire: queste Baccanti sono magistralmente guidate sulla scena da Lucia Lavia, attrice tutto tondo che vale la pena vedere in queste vesti.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder