imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

EVENTI

NEWS

NOTA CRITICA

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Autunno in Sicilia: i luoghi più belli dove andare ad ammirare il foliageGiornate del volontariato siciliano: la Regione accende per tre giorni i riflettori su eventi ed iniziativeA Lentini la conferenza "Il Viaggio di Luigi Einaudi in Sicilia: Lentini – La presenza delle istituzioni sul territorio"Giornata nazionale di sensibilizzazione sul tumore al seno metastatico, Sicilia donna: “Da Avola parte il progetto pilota di uno sportello socio-oncologico”In-Canto Corale: al Teatro comunale di Siracusa il coro PoliEtnico di Torino e il coro Polifonico Europeo Giuseppe De CiccoARCHEOLOGIA SUBACQUEA: in arrivo la Carta di Naxos per indagini a tutela del patrimonio sommerso, delle coste e dei lavori in mareAltreScene, palcoscenico della contemporaneità allo ZO di CataniaAba Catania: cinque nuove grandi sculture degli studenti per il Comune di BelpassoIL PREMIO LETTERARIO ELIO VITTORINI TORNA PROTAGONISTA AL SALONE DEL LIBRO DI TORINOCATANIA: Consegnati i riconoscimenti della 4° edizione del Gran Premio Nazionale Teatro Amatoriale

Cirneco dell'Etna: raduno nazionale a Selinunte per gli appassionati della razza

2021-09-28 12:20

Francesca Brancato

News, Notizie, notabilis, etna, selinunte, cirneco dell'etna, cani, cinofilia, razza autoctona siciliana,

Cirneco dell'Etna: raduno nazionale a Selinunte per gli appassionati della razza

Razza autoctona siciliana, antica e unica, viene celebrata dagli appassionati

cirneco-delletna-1632823106.jpg

Il cirneco dell'Etna è un cane da caccia appartenente ad una razza molto antica che ha subìto poche manipolazioni nel corso dei secoli. Le origini del cirneco, si dice, risalgano al 1000 a.C. Si dice che questa razza derivi dai cani dei Faraoni egiziani (i Tesem) e da cani importati in Sicilia dai punici. 

Secondo la classificazione della Federazione Cinologica Internazionale (F.C.I.), tutti i cani appartenenti alla razza dei "levrieri" appartengono al 10º gruppo, mentre il cirneco è inserito nel 5º Gruppo, quello delle razze di tipo primitivo. È un animale molto veloce e viene utilizzato soprattutto nella caccia al coniglio selvatico e alla lepre.

Si presenta con una figura molto snella, zampe lunghe, orecchie dritte e un corpo muscoloso, ma nello stesso tempo molto elegante. Ha un fiuto eccezionale ed è agilissimo nel cambiare direzione durante l'inseguimento della preda. Da notare come, sebbene l'aspetto del cirneco ricordi quello dei levrieri, non cacci a vista come i primi ma usi l'olfatto. Generalmente si presenta snello e, se nutrito in modo adeguato, mantiene una linea elegante e slanciata.

Il colore del suo manto, riconosciuto dagli standard di razza, è il fulvo più o meno intenso, isabella e sabbia, con lista bianca in fronte, al petto, zampe bianche, punta della coda bianca e ventre bianco. Molti esemplari hanno sul petto una macchia bianca, a forma di stella.

Per i suoi estimatori, si tratta di una animale nobile, elegante, fedele, un cane da caccia abituato a vivere vicino all'uomo. 

Il cirneco dell'Etna è presente in Sicilia da almeno tre millenni, gli archeologi hanno scoperto le sue tracce in ritrovamenti fossili, numismatici e letterari.

Lungo il corso del Simeto, attorno al 1960 era stato ritrovato lo scheletro di un cane, risalente all'incirca al 1400 avanti Cristo, con la testa molto somigliante al tipo Cirneco. Altre tre scheletri balzano fuori dalla necropoli del Fusco a Siracusa e nei mosaici della Villa del Casale, è raffigurata una muta di cirnechi mentre sbrana Atteone. Ma il Cirneco è soprattutto rappresentato su monete con la Dicracma di Segesta, che circolano in Sicilia tra il V e il III secolo avanti Cristo.

Insomma, non esiste un altro animale che possa vantare un simile "pedigree" archeologico. Per i suoi estimatori, si tratta di una razza nobile, elegante, fedele, un cane da caccia abituato a vivere vicino all'uomo.

Se ne è discusso domenica 26 settembre all'antiquarium del Baglio Florio nel Parco archeologico di Selinunte e alle Cave di Cusa, due momenti di discussione sul tema "Il cirneco tra archeologia e attualità". Nell'area monumentale delle Cave di Cusa si è svolto anche il raduno nazionale "Cirneco dell'Etna" dell'Enci, l'ente nazionale cinofilia italiana. 

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder