imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Dopo appena un anno dalla nomina, la Sovrintendente dell'INDA Valeria Told rassegna le dimissioniVino Connect Sicilia: dai banchi alle vigneTeatro in Sicilia. Prosegue l’attività di Rete Latitudini con due spettacoli prodotti da Nave Argo“FINO ALL’ULTIMO RAGGIO DI LUNA”: LA SPERANZA È UNA FIAMMELLA, MA LA VITA È SEMPRE BELLA“PICCOLE DONNE”: TEATRO, MUSICA E LETTERATURA, UNA VERA GODURIAMUSEI SICILIA: aumento dei costi di ingresso con il nuovo annoSICILIA IN TAVOLA: “50 Top Italy” svela la classifica dei migliori cannoli sicilianiLinguaglossa: polemica per la decisione di ridimensionare la Biblioteca Comunale “Antonino Gullo”“Scale del Gusto” rilancia l’antica ricetta dello "Sfogliato Ragusano"Un anno ricco alla FILDIS di Siracusa: momento di bilanci e confronti

“LA ZAPATERA”: IL MATRIMONIO È DI CONVENIENZA, MA NON POSSONO FARNE SENZA

2023-12-15 16:01

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO, eventi, eventi teatro, spettacolo, evento siracusa, cine-teatro aurora belvedere, la zapatera, federico garcìa lorca,

“LA ZAPATERA”: IL MATRIMONIO È DI CONVENIENZA, MA NON POSSONO FARNE SENZA

In scena Garcia Lorca, con una farsa drammatica in due atti  rievocativa della condizione femminile agli inizi del ‘900 e scandaglio dell’animo umano

img-20231212-wa0016.jpeg

La compagnia teatrale “Sesto senso”, diretta dalla regista, Deila Caruso, mette in scena al Cine - Teatro Aurora di Belvedere (SR) “La zapatera prodigiosa” di Federico Garcia Lorca, una farsa drammatica in due atti  rievocativa della condizione femminile agli inizi del ‘900 e scandaglio dell’animo umano.

La trama, che prende l’abbrivio da un conflitto interiore, fra quanto si sospira e la realtà che si respira, è la fotografia di un’umanità combattuta, perplessa dinanzi alle disposizione del fato.

La scena si svolge essenzialmente in casa del calzolaio, priva di pareti e di  finestre, open space, provvista di un deschetto e di arnesi, di un tavolo per il pranzo, nonché di uno scaffale in cui riporre le scarpe. La schiera di comari, emblema della chiusura mentale, è lì, seduta, a godersi lo spettacolo, a spettegolare, a ridere sotto i baffi, ah, ah, cose da pazzi; perché la vicenda  ruota attorno a un matrimonio di convenienza tra la zapatera, la bella trentenne, seducente, (Rosanna Assenza), e un calzolaio benestante, sessantenne (Salvo Campisi).

Si tratta di uno sposalizio emblema di quel sodalizio tra gli opposti che  si attraggono e si distraggono, della differenza anagrafica che si aggiunge a quella caratteriale: lei combattiva e testarda; lui remissivo, tanto debole da credere alle maldicenze e da lasciare la moglie. Alla bella zapatera non resta che inaugurare una attività propria, un’osteria, dove gli avventori le ronzano attorno, nessuno che si tolga di torno: Alcade, il sindaco, personaggio beffardo e disilluso (Maurizio D’Aluisio) divorziato ben 4 volte; Don Merlo (Gianni Guadagni) che veste di nero e muove la testa come un uccello; e Peppe Motta il giovanotto che sulla faccia si è calato un sombrero. E mentre la zapatera cerca di frenare le avance, c’è chi, tra un balletto e un ammiccamento, tenta dii conquistare il calzolaio. È Tentazione (Daniela Iaia), che va via, comunque, a mani vacanti, quel calzolaio non ne vuole sentire, neanche se dal cielo lo pregassero i santi. Il parroco (Paolo Costa), dal canto suo, vi mette una buona parola, “le mogli siano sottomesse ai mariti come al Signore; il marito infatti è capo della moglie  come anche Cristo è capo della Chiesa”, ma quel versetto della Bibbia non è parola che consola.

Un contesto ostile, dunque, in cui  soltanto la figlioletta (Agnese Abbadessa) della vicina di casa, una bimba,  è  l’unica realmente affezionata a lei. E come in ogni commedia che si rispetti la fine è lieta, il calzolaio, travestito da cantastorie, fa breccia nel cuore della zapatera, rinasce l’amore. Tra risonanze e assonanze spagnole a voltare pagina, stacchi alla scena, ci sono intermezzi musicali e balli, l’entrata del coro, eccoli i gitani. (Altri interpreti: la vicina rossa, Enza Aliano; la vicina verde, Emma Amodeo; la vicina gialla, Remigia Abela; la soprano e narratrice, Ioli Toscano; la perpetua, Lucia Rendis; regia audio/luci di Francesco Ruma; l’assistente di palco Martina Quadarella; le coreografie di Francesca Scacco; il corpo di ballo della scuola Danza e movimento di Francesca Scacco; il presentatore, Stefano Ermellino).

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis