imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

L'allegoria d'Amore di Peparini merita il lungo applauso del Teatro Grecop di SiracusaAl Teatro Greco di Siracusa Giuliano Peparini presenta "Horai. Le quattro stagioni" con Eleonora Abbagnato e Giuseppe SartoriAl via la stagione turistica 2024 del Sistema Rete Museale IbleiTutto pronto per la stagione "InTeatroAperto" a Modica, fra musica, arte e spettacoloGrandi applausi per il debutto del Miles Gloriosus tutto al femminile di Muscato al teatro Greco di Siracusa“SEPARATI IN CASA, MA NON TROPPO”: LA COMMEDIA FA IL PIENO, LA BENEFICENZA È GIA' SOLLIEVOIL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a Siracusa

“ALLA RESA DEI CONTI”: ELVIRA SIRINGO RACCONTA CHI NON SI ARRESE ALLA GUERRA

2024-03-07 11:43

Lucia Corsale

NOTE, Note LIBRI, eventi siracusa, romanzo, siracusa, le note, eventi libri, sampognaropupi editore, le note libri, Alla resa dei conti, Elvira Siringo,

“ALLA RESA DEI CONTI”: ELVIRA SIRINGO RACCONTA CHI NON SI ARRESE ALLA GUERRA

L'ultimo romanzo della scrittrice siracusana, adesso nelle librerie

alla-resa-dei-conti.png

Nel romanzo “Alla resa dei conti” edito da Sampognaro & Pupi, l’autrice, Elvira Siringo, restituendo vita alla memoria di Graziella Calcagno, ai tempi  piccola spettatrice dei bombardamenti del 1943, ne riallaccia la  vicenda personale con quella dei suoi amici e la inserisce  nel solco della Grande Storia. A dare l’abbrivio al volume, presentato dall’editrice, Daniela Tralongo, presso la libreria Neapolis,  è stato  il desiderio di Graziella di cristallizzare le sue reminiscenze, di “trasformarle  in un bell’oggetto destinato a durare più a lungo, oltre quel poco di tempo che mi rimane”. Un anelito a cui Elvira Siringo ha dato corpo, confezionando lo strumento principe, il libro,  consapevole che “Ogni vita è degna di memoria, è come un romanzo che si ricostruisce da sé, è un gomitolo che cresce con il sovrapporsi dei ricordi”.  Graziella, nel consegnarle un pezzo della sua vita, si è soffermata sull’arco temporale compreso fra il 1943 e il 1953, quando cioè aveva appena 6 anni.  

La guerra, che sempre fa rima con sopravvivenza, sconvolse ogni assetto tradizionale, perfino i pensieri rivoltò facendo apparire illecito ciò che prima era morale. «Il regime – ha raccontato  Graziella – trasformò il concetto di famiglia, non più luogo privato, ma istituzione sociale, politica, in cui riprodursi fu un dovere verso lo Stato, la mancanza crimine». La famiglia di Graziella cercò riparo nel folto uliveto delle Vignazze in contrada San Michele, dove alcuni amici la accolsero “in un abbraccio muto. La guerra annichiliva la gioia di ritrovarsi, non c’era festa, ma emergenza di stringersi intorno al feretro del futuro. Tecnicamente, non eravamo parenti, lo zio Paolo, giovane amico di papà, era figlio dell’ingegnere Corrado Grande, che molti anni prima, durante un viaggio in Grecia” aveva conosciuto la contessina Aline Sdrin con cui si era sposato, andando a vivere – come nelle più belle favole - nel castello ampio quanto un intero paese, la tenuta cioè di San Michele. All’interno del romanzo, mentre i bombardamenti scuotono la nostra città e l’uomo, abbrutito, è spogliato pure della pietà, in ogni capitolo echeggiano le note delle canzoni incise per gli americani Moonlight Serentade, Chattanooga Choo Choo, Amapola, ecc.. Titoli e brevi strofe indicativi della funzione salvifica della musica, in cui Graziella anche da anziana si è rifugiata, per esorcizzare la paura dei lampi, il cui bagliore le sembrava che preludesse un’esplosione. L’editrice, dal canto suo, ha  sottolineato l’attualità del romanzo, scene violente, discrepanza fra condizione maschile e femminile,  precarietà del futuro, non sono zavorre del passato ma piaghe della nostra società che minano le fondamenta dello Stato. Un libro, dunque, in cui il grimaldello della memoria porta alla luce fatti e misfatti della Storia, e che rievoca anche il miracolo della lacrimazione della nostra Madonnina, “La lacrima è un liquido  che impasta, sa essere una stilla di rugiada per innaffiare l’aridità, un balsamo per lenire la stanchezza,  un infuso che disseta la gioia”.  Madonnina, perché piangi? Maria, tu conti le lacrime versate dagli uomini?

 

 

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis