imageimage.jpegimage.jpeg
image-764
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

INFO & CONTATTI

EVENTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Emergenza Covid: Festival delle Letterature Migranti rimodula l'edizione 2020“Mi impegno a inviare a Roma una mia delibera di Governo”: il Presidente Musumeci accoglie le richieste del settore weddingIl Teatro Greco di Siracusa e Fondazione Inda in un documentario rivolto al pubblico sudamericano«Vi aspetto per celebrare l’arte»: Andrea Bocelli ricorda il suo prossimo concerto a NotoAkrai: nuovi scavi portano alla luce una domus romana, fino ad oggi sconosciutaM.A.FRA: Francavilla di Sicilia si prepara a inaugurare un nuovo museo archeologicoScoperto a Rosolini un sito di età ellenistica: i Carabinieri recuperano oltre 2mila repertiAd Avola torna "8 Marzo Evento Donna 2020"“Un libro in sospeso”: regalare libri per fornire pari opportunità agli studenti di PalermoAl via, a Catania, la nuova stagione di Casa di Creta-Teatro Argentum Potabile

Passato, presente e futuro del complesso “Le Rocce” di Capo Mazzarò a Taormina

2017-08-07 12:29

Redazione

News, taormina, rocce di capo mazzar,

Passato, presente e futuro del complesso “Le Rocce” di Capo Mazzarò a Taormina

NEWS “Voglio presentare alla collettività la favola di un luogo rimasto intatto nella sua purezza

NEWS

image-asset-1579712832.jpegimage-asset-1579712832.png

“Voglio presentare alla collettività la favola di un luogo rimasto intatto nella sua purezza dopo un lungo incantesimo. Questo mondo fatato ha resistito a speculazioni e interessi opachi, ora è il momento che le nuove generazioni siano protagoniste del lieto fine”. Queste le parole di Antonio Presti, il quale sta riqualificando la meravigliosa zona delle Rocce di Capo Mazzarò con un progetto importante di recupero e rilancio della zona a livello internazionale, in base al quale è stato creato un Museo di Arte Contemporanea, un albergo, un’Accademia delle Arti e del Restauro per la formazione di giovani ben qualificati, un giardino di essenze spezie mediterranee e un orto botanico. Inoltre vi è stata la trasformazione delle fatiscenti strutture precedentemente esistenti in stanze-albergo per opera di artisti di fama internazionale e l’organizzazione di diverse attività e percorsi culturali e ambientali in collaborazione con altri comuni, in seguito a diversi decenni di noncuranza, trascuratezza e abbandono. Il Villaggio Le Rocce era stato inaugurato nel 1954 su volontà dell’Assessorato Regionale al Turismo per puntare negli anni del dopoguerra sul turismo e la valorizzazione di uno di quei luoghi magici di cui la Sicilia è piena: un momento di grande ascesa per Taormina, scelta come destinazione privilegiata del turismo internazionale (star di Hollywood del calibro di Liz Taylor e Cary Grant, solo per citarne due, la sceglievano spesso come meta). Negli anni, però, qualcosa è cambiato e nel 1972 si è addirittura arrivati alla definitiva chiusura del luogo, per l’indifferenza e la trascuratezza della burocrazia, cadendo in tal modo nel dimenticatoio. Da qualche anno a questa parte si sta cercando di riaprire un capitolo che sembrava terminato già da tempo e le idee e il lavoro di Antonio Presti sono un importante segnale.

image-asset-1579712832.jpegimage-asset-1579712832.png

 “La nostra vita è un comodato d’uso offerto dall’Universo: l’esistenza non è possesso, ma condivisione. Recuperiamo uno spazio unico, profanato dal disinteresse della politica e dall’avidità di chi avrebbe voluto sfregiarlo – continua Presti – costruiremo intorno al paesaggio un nuovo codice di fruizione: aboliremo la logica del cemento nel pieno rispetto di questo luogo, con le anime tese a quell’orizzonte che si apre davanti agli occhi. La Fondazione sta già lavorando per consentire a questo poggio incantato di dare cittadinanza all’Arte in tutte le sue forme”. Oltre alla visita alle Rocce, sono previsti vari appuntamenti, di cui il primo è “Incantesimo”, un insieme di mostre fotografiche con percorsi riguardanti la storia delle Rocce, la testimonianza della Fondazione Fiumara d’Arte e dell’Atelier sul Mare e “Taormina Cinema” con la dolce vita degli anni ’60 che fino al 27 settembre al Castello di Mola è possibile visitare gratuitamente dalle 10.30 alle 21.

Un museo a cielo aperto, così come lo è l’Atelier sul Mare a Castel di Tusa, in cui si vuole abbandonare la logica del cemento e invece sposare quella secondo cui si deve creare un equilibrio armonico tra la struttura e la natura. 

Alessandra Leone

 

 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder