imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Tutto pronto per la stagione "InTeatroAperto" a Modica, fra musica, arte e spettacoloGrandi applausi per il debutto del Miles Gloriosus tutto al femminile di Muscato al teatro Greco di Siracusa“SEPARATI IN CASA, MA NON TROPPO”: LA COMMEDIA FA IL PIENO, LA BENEFICENZA È GIA' SOLLIEVOIL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a SiracusaMIXOLOGY: nasce “Polara ’53” la linea di toniche e sode premium “born in Sicily”LA VOCE DEL VIOLINO: ERIKA RAGAZZI E IL FUOCO SACRO DELL’ARTETutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)

Costanza DiQuattro con il suo libro “La mia casa di Montalbano” ha fatto tappa a Siracusa: con lei i luogh

2019-10-08 13:12

Redazione

News, notabilis, persone, fatti, eventi, degni di nota, in sicilia, eventi siracusa, news, costanza diquattro, la mia casa di montalbano,

Costanza DiQuattro con il suo libro “La mia casa di Montalbano” ha fatto tappa a Siracusa: con lei i luoghi dell’anima e il gioco della rimembranza

NEWS Siracusa - La presentazione de “La mia casa di Montalbano” di Costanza Di Quattro, edizioni

NEWS

img-20191008-wa0003-1579707677.jpg

Siracusa - La presentazione de “La mia casa di Montalbano” di Costanza Di Quattro, edizioni Baldini+Castoldi, la cui forma narrativa assimilabile alla  diaristica occhieggia  al romanzo, è divenuta operazione di recupero del passato che, filtrato dalla memoria, si adorna di un’aureola di mistero. Uno scrigno dunque anche di suggestioni offerto  al lettore  con un linguaggio semplice e intimo che a tratti attinge dai registri  formale e aulico.  La trama prende l’abbrivio nella  Sicilia degli anni ’90, quando Costanza ancora bambina trascorreva l’estate nella villa dei nonni affacciata sui castelli di sabbia e lambita dal mare.

A relazionare su “La mia casa di Montalbano”  è stata Emma Di Rao la quale, nella libreria “La casa del libro Mascali” di Marilia Di Giovanni, ha sottolineato, innanzitutto, la valenza atipica del titolo. «Non rappresenta  una scelta orientativa, ma originale, contenente una deviazione rispetto al codice linguistico, poiché l’aggettivo possessivo “mio” viene ribaltato dall’espressione seguente “di Montalbano.»  Uno scarto dovuto alla successiva trasformazione del “nido”, la casa di Punta Secca  rappresentativa dello stato di delizia dell’ infanzia di Costanza in set televisivo per la produzione dei film di Andrea Camilleri e che “destabilizza l’io dell’autrice, corrodendone il senso di appartenenza.” Emma Di Rao, poi, ha evidenziato come l’io narrante coincida non soltanto con l’io biografico, cioè con il personaggio principale della vicenda che è la stessa Costanza, ma anche con l’io letterario cioè con l’autrice. «Una triplice declinazione dell’io – ha detto – che assolve varie funzioni nell’impianto narrativo e che risulta essenziale alla resa letteraria, in quanto l’io narrante, recuperando con la memoria il passato dell’io biografico, cioè il passato di Costanza, permette all’io letterario di attuare quella trasfigurazione del reale che è un tutt’uno con l’esito poetico.» Dal canto suo, Costanza Di Quattro, ha evidenziato il ruolo centrale della madre che, di fronte alla reiterata reticenza del padre nel concedere la casa al location manager della Palomar, incaricato di trovare una location per le riprese televisive, si assunse l’onere della decisione, dettando, però,  talune prescrizioni.

Costanza Di Quattro ha descritto, poi, il  suo incontro  nella villa – crocevia di intellettuali  – con il “mefistofelico” Bufalino, durante uno dei tanti rinfreschi allestiti  nella terrazza dove la tavola era un mosaico di  brocche di caffè freddo e aranciate. Infine, ha raccontato della visita fatta al “maestro”,  per illustrargli la progettata stesura del libro a cui Camilleri diede immediatamente il suo placet. Un libro che per la  veneranda età del compianto Andrea Camilleri suonò, forse, come l’apologia di un’antica felicità e del nostro  vago senso di appartenenza. 

Lucia Corsale

©riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis