imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

IL TEATRO TRAGICO, NEI LAGER E LA NASCITA DEL PICCOLO TEATRO IN UN EXCURSUS IN VILLA REIMANN“PENSACI, GIACOMINO!”: AL GARIBALDI DI AVOLA UNA LACRIMA UN SORRISO, GRAZIE PIPPO PATTAVINAStanding ovation di 10 min per il debutto della Fedra (Ippolito portatore di corone) al Teatro Greco di Siracusa“Il mio onore è morto insieme a queste bestie”: registra il tutto esaurito il debutto di Aiace a SiracusaMIXOLOGY: nasce “Polara ’53” la linea di toniche e sode premium “born in Sicily”LA VOCE DEL VIOLINO: ERIKA RAGAZZI E IL FUOCO SACRO DELL’ARTETutto pronto per la 59° Stagione di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa (10 maggio-giugno 2024)“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMASIRACUSA: tutto pronto per gli “Stati generali del Cinema”Turismo: le Gole dell’Alcantara sperimentano quello cinofilo

“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMA

2024-04-11 16:25

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO, eventi teatro, eventi siracusa, siracusa, teatro garibaldi avola, giovanna d'arco,

“GIOVANNA D’ARCO”: AL “GARIBALDI” DI AVOLA URLA LA CARNE, SI INFIAMMA L’ANIMA

Gaia Aprea, padroneggiando la scena con audacia interpretativa, ha sfidato gli esiti del monologo che a volte degrada nella piattezza e nell’uniformità

img-20240409-wa0015.jpeg

“Giovanna D’Arco”, per la regia e interpretazione di Gaia Aprea, infervora il teatro “Garibaldi” di Avola – direttrice artistica, Tatiana Alescio – nella versione apocrifa della compianta Maria Luisa Spaziani che, pur assolvendo   la pulzella d’Orlèans dalla condanna al rogo, la istiga alla morte quale  anelito  di redenzione. Gaia Aprea, padroneggiando la scena con audacia interpretativa, ha sfidato gli esiti del monologo che a volte degrada nella piattezza e nell’uniformità. Nei panni dell’eroina, nata nel 1.412 in quella Francia infiammata dalla guerra dei Cento anni contro l’Inghilterra, Gaia Aprea celebra non soltanto la riscossa francese contro gli inglesi, il riscatto di tutte le donne a partire da quelle del Medioevo, ma anche il valore del sacrificio sempre più ripudiato anche  nella sua accezione generica dal tempo presente. È a Giovanna D’Arco che, in preda alle  allucinazioni, divenute vere e proprie visioni, si svela lo stesso Arcangelo per annunciarle la sua imminente partenza, senza volgere lo sguardo indietro. Il futuro re di Francia Carlo VII di Valois l’accoglie a corte e accovacciato al suo cospetto le chiede: «Sei veggente? Hai stimmate di luce?».

«È Dio in persona a guidarmi – risponde fiera la contadina -   possiedo l’energia per liberare la Francia». Dopo le prime vittorie che Giovanna D’Arco in sella al suo cavallo e armata di spada portò a segno, la sorte si incrinò dal lato dell’ombra e il sogno dell’inviata di Dio  di entrare nella cattedrale di Notre-Dame svanì. La cattura da parte degli  inglesi che,  accusandola di essere  una creatura diabolica, istituirono un processo contro Giovanna D’Arco  per  magia ed eresia, non scosse il futuro re, timoroso che l’acquisizione di ulteriore potere avrebbe avallato la potenza  del popolo. Alla condannata fu concessa l’ostia benedetta, mentre la luce calò sull’ultima notte di solitudine e di pianto: «Quando si guarda la morte in faccia Dio è il vibrare di un’unica stella che colora di messaggi l’anima». Ad ardere, però, è un’altra giovane vita, poiché   Maria Luisa Spaziani, nel suo testo basato comunque  sul alcuni documenti, contemplò un’altra fine per Giovanna D’Arco: la noia di una vita  sospesa tra il mito mancato e il rimpianto di non essere andata incontro al suo destino di morte,  «La noia fu un uccello che non sa volare, un occhio che non scorge luce. E invece delle fiamme ipocrite, che l’avrebbero arsa viva come eretica e strega, il fuoco la sciolse in fulgide stelle. Vennero giorni di caldo, soffiava lo scirocco, mentre morivano gli armenti e un malefizio premeva sulle case addormentate». L’addetta alle luci della singolare performance teatrale in cui la carne diventa verbo è stata Aurora Trovatello;  la musica onirica dei Pink Floyd evocativa di una mistura fatta di realtà e allucinazioni  sono state di  Davide Pennavaria. Ricordiamo che lo spettacolo inserito nel cartellone di eventi del Teatro “Garibaldi” ha il patrocinio del Comune di Avola, con in testa il sindaco, Rossana Cannata, e l’assessore allo Spettacolo, Deborah Rossitto.

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis