imageimage.jpegimage.jpeg
image-305
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

NEWS

NEWS

INFO & CONTATTI

MENU

EVENTI

MENU

INFO & CONTATTI

NOTA CRITICA

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

Aida conquista Taormina: grande successo al Teatro Antico per il primo evento del Mythos Opera Festival“R-estate a Teatro”: si apre a Giarre la rassegna estiva di ArchiDrama.Don Chisciotte e Sancio Panza, protagonisti delle “Sere d’estate ad Aci Castello”Etnabook Edizione 2020: a Catania torna il festival del libro e della culturaBadia Lost&Found Lentini: la prima opera ad aggiungersi dopo il lockdownArtieri Mercato Creativo summer edition: Ortigia saluta l’estate tra arte, design e artigianatoSettimana Barocca di Siracusa: al via il Festival dell’Orchestra Barocca SicilianaLucio Dalla torna a Milo sull’Etna. La scultura di Susinni omaggia uno degli artisti più amati della canzone italianaXII edizione dell’Ortigia Film Festival: svelati i documentari in concorso, tra anteprime mondiali e nazionaliTorna la rassegna di teatro classico Mitoff: Eracle ed Edipo re in scena a Noto e Catania

Incontro sulla storia del fumetto durante i regimi totalitari

2017-07-06 12:02

Redazione

News, catania, fumetto, regimi totalitari,

Incontro sulla storia del fumetto durante i regimi totalitari

NEWS Questo pomeriggio alle 18 alla Fumettolibreria, sita in via Antonino Di San Giuliano 357/ 359,

NEWS

image-asset-1579712917.jpegimage-asset-1579712917.jpeg

Questo pomeriggio alle 18 alla Fumettolibreria, sita in via Antonino Di San Giuliano 357/ 359, a Catania, si svolgerà il settimo incontro sulla storia del fumetto, l’ultimo prima della pausa estiva. Dopo aver parlato negli scorsi appuntamenti dell’origine di questo genere così amato da grandi e piccini, stavolta si punterà l’attenzione sul fumetto tra il 1937 e 1945, quindi durante i regimi totalitari, e soprattutto nel periodo fascista e bellico. Celebre la frase del giornalista, editorialista e politico americano William Hearst rivolta agli autori di fumetti: “È il padre che compra il giornale. I bambini non vedranno mai i vostri disegni se i disegni non richiameranno prima la sua vista”. Non è forse vero?

Ricordiamo che il fumetto nacque al termine del 1800 in America come forma di giornalismo umoristico, al fine diincentivare la vendita di quotidiani che, nella loro lotta spietata, cercavano di conquistare un pubblico sempre più vasto, attraverso inserti di pagine illustrate, specialmente nell’edizione domenicale. Riscuoteva grande successo, in particolar modo tra i bambini, nella classe culturalmente medio-bassa della società e tra gli immigrati con scarsa padronanza della lingua. 

image-asset-1579712917.jpegimage-asset-1579712917.jpeg

Poi, però, cambiando la storia, cambiano anche parecchi altri aspetti (sì anche per le letture apparentemente più leggere, ma che in realtà veicolano immediatamente, semplificandoli, contenuti anche impegnativi)… Durante il fascismo ci fu una “nazionalizzazione delle masse infantili”, che mirava sia al controllo dei mezzi di comunicazione vecchi e nuovi, sia all’inquadramento dei vari segmenti della società, in particolare dei giovani di ogni fascia di età. Largo, quindi, a giornali come “L’Avventuroso”, per formare fin da piccoli gli uomini di domani. fascistizzazione dei fumetti, con l’eliminazione sistematica dei prodotti americani e la loro sostituzione con eroi e storie il più possibile conformi all’ideologia del regime, produce peraltro una disaffezione molto diffusa verso il fumetto. Anche il mitico Topolino, l’unico personaggio americano risparmiato dalla censura del 1938, ha dovuto essere sostituito nel giro di una settimananel 1942 da Tuffolino, un ragazzetto simile per caratteristiche fisiche.

image-asset-1579712918.jpeg

Oggi pomeriggio Bruno Caporlingua, membro del Consiglio Direttivo di (Amici del Fumetto, http://www.amicidelfumetto.it), tratterà proprio di questo interessantissimo argomento, tra tavole e volumi della propria collezione privata, che saranno messe a disposizione di coloro che parteciperanno all’evento,  per poter ammirare, osservare e toccare le opere di cui si discuterà. Durante l’incontro verrà offerto un piccolo rinfresco. Ingresso gratuito. Portate solo sete di conoscenza, simpatia e allegria. Al resto ci penserà la Fumettolibreria. 

                  Alessandra Leone    

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram

IL CONTENUTO TESTUALE / INFORMATIVO E' STATO REALIZZATO DALLA GIORNALISTA ROSSELLA JANNELLO

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website | Free and Easy Website Builder