imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

MENU

INFO & CONTATTI

MENU

INFO & CONTATTI

NEWS

NEWS

NOTA CRITICA

NOTA CRITICA

EVENTI

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

A OTTOBRE AVRÀ INIZIO LA NUOVA PROGRAMMAZIONE DELLA FONDAZIONE TEATRO GARIBALDI DI MODICANaxosLegge, consegnato a Laura Anello il premio Tela di Penelope per “Le Vie dei Tesori”“RADICI”: IL DIALETTO SICILIANO, TRA IPER LINGUA E AFFETTOPRESSO L'AREA ARCHEOLOGICA DI SANTA VENERA AL POZZO, ECCO “LA CURA” DEL CORO LIRICO SICILIANOCINEMA: Marzamemi perde il Cinema di FrontieraPremio Elio vittorni e Premio Lombardi tutti al femminile in questa edizione 2023LIBRI: AL PREMIO VITTORINI TRE FINALISTI E UNA MENZIONE SPECIALEGala dei numeri primi, Scialacori - Notte bianca e RadiciLa Sicilia come "regione gastronomica d'Europa"? A deciderlo una commissione in visita a RagusaModica: Palazzo De Leva diventerà un sito culturale aperto al pubblico

Ulisse, l’ultima odissea di Peparini ammalia il teatro greco di Siracusa

2023-07-01 19:37

Daniela Tralongo

NOTE, Note TEATRO, teatro greco siracusa, Ulisse, l'ultima Odissea , Odissea , Inda 2023, critica teatrale, Giuliano Peparini,

Ulisse, l’ultima odissea di Peparini ammalia il teatro greco di Siracusa

La parola del libretto di Francesco Morosi ha trovato la sua dimensione plastica in ogni singolo movimento adottato da tutto il corpo di attori e ballerini ...

 

Parole, musica e danza insieme … che spettacolo!

 

 

“Voglio tornare a casa. Non c’è vista più bella della propria casa. E dei propri genitori. Anche se si vive in una casa opulenta, ma in terra straniera.”

 

Queste parole segnano le intenzioni di Odisseo (Giuseppe Sartori), che paventa con fermezza il suo desiderio più grande alla ninfa Calipso (Giulia Fiume) di voler fare ritorno nella propria terra. Il tema del nostos, caro a tutti i viaggiatori, ancor più a quelli siciliani, spesso migranti, si manifesta sin dalle prime battute della resa teatrale dell’Ulisse, l’ultima Odissea, lo spettacolo messo in scena il 29 giugno al teatro greco di Siracusa, che rientra nel programma del 58°ciclo di rappresentazioni classiche dell’Inda, e in scena fino al 2 luglio. Perché, come dichiara il regista Giuliano Peparini, la formula del ritorno porta con sé un profondo senso di speranza che riguarda ciascuno di noi. 

Chi ha confidenza con il poema omerico non ne resta certo stupito, tuttavia c’è qualcosa di familiare che coinvolge chi assiste. Le atmosfere non sono di epoche lontane, ci si trova catapultati in un odierno aeroporto in cui suoni, colori e movimenti testimoniano situazioni all’ordine del giorno. Tra passeggeri omologati che caoticamente corrono da un gate all’altro, emergono le figure dell’aedo che veste i panni del clochard (Massimo Cimaglia) che si inserisce nella trama per convogliare l’attenzione del pubblico ora ad un’avventura, ora ad un’altra vissuta da Ulisse e lo stesso protagonista che interrogato dai passeggeri che attendono di poter ripartire, si racconta in attesa di poter anche lui rientrare verso Itaca. Dalle vicende con i ciclopi, all’incontro con le Sirene, al periodo vissuto con la maga Circe, alle avventure tra Scilla e Cariddi, il racconto si sviluppa su piani narrativi fedeli al testo greco ma con una perfetta resa in chiave moderna, dovuta ad un’armonia espressiva avvincente e coinvolgente tra testo, musiche, trovate scenografiche e danze. Lo spettacolo riesce a stupire gli astanti grazie ad una combinazione di altissimo livello di linguaggi espressivi. La parola del libretto di Francesco Morosi trova infatti la sua dimensione plastica in ogni singolo movimento adottato da tutto il corpo di attori e ballerini (100 gli artisti coinvolti). Il risultato è uno spettacolo finalizzato al dialogo tra le arti, in cui ciascuna è a supporto dell’altra, senza la volontà di farne primeggiare qualcuna. 

Così come si propongono reinterpretazioni dell’immaginario comune, facendo di personaggi normalmente femminili, come quello delle sirene, ruoli interpretati da soggetti maschili che hanno letteralmente ammaliato in una danza abilmente costruita in accordo ai costumi di scena.

Quando i voli tornano ad essere operativi, Ulisse volge le spalle al pubblico perché pronto a fare rientro a casa. Da lì si lascia spazio all’immaginazione di ciascuno degli astanti. Seguono almeno quindici minuti di applausi con cui la cavea gremita del teatro ha salutato gli attori, direttori artistici e produzione in una sentita standing ovation. 

 

© riproduzione riservata 

foto-ulisse-3.jpegfoto-ulisse-2.jpegfoto-ulisse-4.jpeg

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis