imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

EVENTI

NOTA CRITICA

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

EVENTI

NEWS

NOTA CRITICA

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

SEGESTA: SCOPERTO INGRESSO MONUMENTALE DELL'AGORÀINNOVAZIONE DIGITALE - COSTITUZIONE DEL POLO SIKELIARiserva di Vendicari in fiamme, l'oasi a rischioTrovato prezioso reperto archeologico a Mussomeli (CL)A Catania 40 associazioni scendono in campo per dare nuova vita a edifici dismessiIn Sicilia nasce il "Parco dello Stile di Vita Mediterraneo"Siracusa: arriva “I Siracusani e il Risorgimento” iniziativa targata “Alfio Neri per la cultura”VIA LIBERA ALLA GRADUATORIA PER LE AREE PROTETTE DI SICILIA DAL GOVERNO MUSUMECI: PRONTI 16 MILIONI"Il trittico di Camporeale": murales d'autore con protagonisti devozione e antiche maestranzeIn Sicilia le celebrazioni per la Pasqua si spostano sul web

Valle dei Templi di Agrigento: rinvenuti nuovi oggetti di culto durante gli scavi archeologici

2020-11-02 12:08

Redazione

News, Notizie, notabilis, eventi, arte, archeologia, agrigento, Parco Archeologico della Valle dei Templi,

Valle dei Templi di Agrigento: rinvenuti nuovi oggetti di culto durante gli scavi archeologici

Archeologia: rinvenuti nuovi reperti nella Valle dei Templi

valle-dei-templi-agrigento-tempio-dei-dioscuri-2-1604318852.jpg

Si è appena conclusa con il ritrovamento di nuovi reperti la prima campagna di scavi archeologici effettuata, presso la Valle dei Templi di Agrigento, dalla Scuola Normale di Pisa, in accordo con il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, diretto da Roberto Sciarratta.

 

Si tratta di rinvenimenti capaci di arricchire il quadro sulle conoscenze relative alle fasi architettoniche, storiche e archeologiche del Santuario e del Tempio D. Per la prima volta, infatti, sulla collina meridionale sono stati riportati alla luce materiali ceramici (tra cui un frammento attribuibile, con certezza, all’officina di Corinto del Silhouette Goat Painter I, databile intorno al 580-570 a.C.) e frammenti di produzione attica e ionica, inquadrabili cronologicamente nella prima generazione della colonia (fondata intorno al 580 a.C.). Da queste testimonianze si deduce come, sin da subito, quest’area della città fosse stata frequentata dai coloni, forse già come destinazione culturale.

 

Tra i reperti rinvenuti, suscitano particolare interesse: il tetto marmoreo; la pavimentazione; le lastre di rivestimento della cella del tempio di età classica, distrutto secondo le fonti letterarie nel 406 a.C., durante l’assedio dei Cartaginesi. A questi, si aggiungono ulteriori materiali che fanno chiarezza su altre fasi storiche del sito, come per esempio le due monete coniate sotto Federico II, che testimonierebbero una frequentazione dell’area durante l’età medievale.

 

L’équipe di ricerca ‒ costituita dagli studenti di archeologia classica della Scuola Normale delle Università di Pisa e di Palermo ‒ si è focalizzata su alcuni settori appartenenti all’area sacra e all’interno dell’edificio templare. A coordinare le operazioni, il prof. Gianfranco Adornato, aggregato di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana presso la Scuola Normale, il quale ha dichiarato: «Questa prima campagna di scavo-scuola è stata particolarmente fruttuosa e i promettenti risultati ci sollecitano a investigare l’area con maggiore attenzione. Abbiamo rinvenuto, per la prima volta sulla Collina meridionale, numerose statuette votive deposte ritualmente insieme a ceramica e ossa combuste. Questi ex-voto, insieme a cospicui frammenti di tegole in terracotta, sono chiari indizi di un culto e di un possibile edificio sacro di età tardo-arcaica (non ancora individuato), esistente prima della monumentalizzazione dell’area sacra e del tempio, avvenuta intorno alla metà del V secolo a.C.».

 

In vista della seconda campagna di scavo-scuola, tra gli interventi concordati per il prossimo anno con la Direzione del Parco Archeologico, è presente anche un’indagine dell’area del Torrione, finalizzata a comprenderne la funzione e il rapporto con le mura di fortificazione, la via d’accesso su questo versante della città antica e il limite del santuario stesso. Una collaborazione sinergica, quella stabilitasi tra il Parco della Valle dei Templi e la Scuola Normale, che ha condotto a importanti risultati, con ripercussioni positive non solo sulla tutela e valorizzazione del sito archeologico, ma anche nei settori della ricerca e della didattica.

 

© riproduzione riservata

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2020 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder