imageimage.jpegimage.jpeg
image-1
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

In libreria un progetto editoriale tutto Catanese: "UAU che giorni!" Lunaria edizioniUn altro Natale all'insegna della sicilianità con i panettoni Di StefanoLa pandemia di colera che investì la Sicilia nel 1837 raccontata nell'ultimo libro del prof. Giuseppe AstutoIL MONDO IRREDENTO DI ANGELO FIOREIl professor Daniele Malfitana è il nuovo presidente della Scuola Superiore di Catania"Lucia al Bellomo": inaugurata la mostra che omaggia la patrona di Siracusa e lancia un messaggio contro le violenze di genereIL BAMBINO CON MALATTIA ONCOLOGICA: DIALOGO COL PROF. FRANCO BERRINO"Comunità Resilienti": le più insolite maglie da calcio del mondo in mostra a Palermo"Il mangiatore di carta" di Edgardo Franzosini e il confronto con Balzac: un'analisi di Paolo FaiSiracusa omaggia il suo artista Salvatore Accolla con un murales dedicato. Già stanziati i fondi

Plemmirio: nuove ricerche portano alla luce tracce antecedenti alla fondazione corinzia di Siracusa

2021-04-20 16:58

Redazione

News, Notizie, notabilis, siracusa, plemmirio, eventi arte, archeologia, Penisola della Maddalena, Paolo Scalora,

Plemmirio: nuove ricerche portano alla luce tracce antecedenti alla fondazione corinzia di Siracusa

Rintracciate 40 tombe databili al Bronzo Medio e al Bronzo Antico, ormai violate ma dalla grande importanza storica

424011105180405plemmirio782289265-1618923358.jpg

"La penisola della Maddalena nell’età del Bronzo: le nuove acquisizioni", questo il titolo della tesi sperimentale che l'archeologo Paolo Scalora, ha presentato per conseguire il diploma di Specializzazione in Beni Archeologici presso l’Università degli Studi di Catania.

All'interno di questo studio, nuove acquisizioni che si sono aggiunte alla documentazione già raccolta qualche anno prima dallo stesso archeologo, poi pubblicate in un saggio scientifico dal titolo “Archeologia del Plemmirio dalla Preistoria alla Tarda Antichità” (2017) con prefazione del dott. Lorenzo Guzzardi.

Per comprendere a fondo l’importanza delle ricerche di Scalora facciamo un passo indietro a quando l’insigne Paolo Orsi condusse due campagne di scavo nel promontorio a sud del Porto Grande (nel 1891 e nel 1897) esplorando poco più di 50 tombe a grotticella artificiale, scavate negli affioramenti rocciosi dell’area settentrionale del Plemmirio.

Il grande studioso siracusano, all'interno delle camerette funerarie, riusate nel tempo e violate, rinvenne complessivamente vasellame, armi in bronzo, manufatti ornamentali, ecc., pertinenti a quella che in seguito venne chiamata “cultura di Thapsos” (età del Bronzo Medio). Grazie alla documentazione pervenuta è possibile risalire ad una realtà indigena coinvolta nei traffici commerciali col mondo egeo-miceneo verso la metà del II millennio a.C., quindi molto prima della fondazione corinzia di Siracusa.

 

Consapevole della peculiare valenza storica del Plemmirio, Scalora ha condotto personali ricognizioni in tutta la penisola nella speranza che vi fosse ancora qualcosa di inedito. I risultati sono stati al di sopra di ogni aspettativa e hanno aggiunto un tassello fondamentale alla conoscenza della protostoria siracusana, ma non solo. In totale Scalora ha rintracciato oltre 40 tombe (che vanno sommate a quelle scoperte da Orsi, nello stesso sito) databili soprattutto al Bronzo Medio e al Bronzo Antico (cultura di Castelluccio). E ancora, presso l’insenatura di Carrozza, sono state individuate e documentate porzioni di alcune capanne dell’età del Bronzo, che erano state segnalate negli anni Sessanta del secolo scorso. Tuttavia, il sito per vari aspetti più affascinante è un gruppetto di tombe databile al Bronzo Medio, che si trovano all’interno della proprietà di villa Messina. Di grande rilievo è, infine, un sepolcro dall’architettura molto particolare che rimanda al mondo miceneo.

 

In questo contesto, la penisola della Maddalena si conferma un sito di eccezionale valore, il cui patrimonio archeologico e naturalistico va assolutamente preservato, valorizzato e divulgato.

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2021 | 

www.notabilis.it @ All Right Reserved 2021 | 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder