imageimage.jpegimage.jpeg
mock up contemporanea notabilis
notabilistestata1

facebook
youtube
instagram
notabilistestata1

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

INFO & CONTATTI

INFO & CONTATTI

MENU

MENU

NEWS

NOTA CRITICA

EVENTI

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Notabilis è un quotidiano online esclusivamente culturale, che mette in evidenza persone, fatti ed eventi degni di nota in Sicilia. Crediamo che solo partendo da una maggiore consapevolezza culturale è possibile promuovere e costruire una Sicilia al passo con i tempi.

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

Knowhow SRL
Corso Gelone 116/C
96100 Siracusa
P.I. 01584160897

info@notabilis.it

redazione@notabilis.it

 

A PROPOSITO DI  CULTURA...

“FAME D’ARIA”, LA CUPOLA DEL CIELO NON È SEMPRE AVARAIndicate le 10 finaliste per la Capitale Italiana della Cultura 2025LIBRI: a Siracusa inaugurata una nuova sezione della biblioteca dell'I.C. Salvatore RaitiGiorno della Memoria 2023: gli appuntamenti da non perdere a PalermoRiflessioni sull’anno che verrà“ADELE CENTINI, VEDOVA ISASTIA”: IL RISCATTO ED IL CORPO COME BARATTOI siciliani degni di nota del 2022Riscoperto il "punto chiaramonte", la tradizione del filato italianoUn accordo per sopravvivere: in libreria il nuovo romanzo di Paolo ScardanelliLA NOVENA DI NATALE NEGLI IBLEI E A MELILLI

“FAME D’ARIA”, LA CUPOLA DEL CIELO NON È SEMPRE AVARA

2023-01-30 16:28

Lucia Corsale

NOTE, Note TEATRO, eventi teatro, eventi siracusa, olocausto, tatiana alescio, fame d'aria,

“FAME D’ARIA”, LA CUPOLA DEL CIELO NON È SEMPRE AVARA

Lo spettacolo  “Fame d’aria” - la Shoah raccontata ai ragazzi – svoltosi  al teatro Planet Vasquez, è un alito di salvezza,  tra le piaghe di un dolor

img-20230127-wa0028.jpeg

Lo spettacolo  “Fame d’aria” - la Shoah raccontata ai ragazzi – svoltosi  al teatro Planet Vasquez, è un alito di salvezza,  tra le piaghe di un dolore cupo che, alzando i toni, si è fatto dirupo.

Alla performance, per la regia e la drammaturgia di Tatiana Alescio che ha anche calcato la scena assieme a Mary Accolla e ad Aurora Trovatello e che ha visto Valeria Annino e Beatrice Trovatello nello staff tecnico, hanno assistito in più turni gli studenti degli istituti scolastici: Chindemi, Martoglio,  Costanzo, Archia, Giaracà, Insolera, Corbino ed Einaudi accompagnati  da alcuni insegnanti.

Il “fatto” datato 1943 è stato rappresentato in una scabra cornice evocativa di Auschwitz: un pagliericcio di legno a tre piani destinato al riposo di chi  ha perduto la dignità, tra gli orrori della guerra e la pretesa capziosa di superiorità; un filo spinato che è una barriera tra l’infamia dell’uomo e un Dio che sembra essersene dimenticato.

A fare da contraltare c’è una scrivania, al chiaro della luce, dolce è il riparo, tra le parole stroncate che  Anna Frank (Aurora Trovatello) ricuce. A denudare l’anima senza più colore è Francesca (Mary Accolla) una ex musicista di violino, uno strumento che ama quasi come Mario, il suo bambino. Un tempo, era stata felice, non avrebbe chiesto altro alla vita, ma il passato è passato, e il presente a nessuno si addice. Tra i rigori del freddo e i morsi della fame – rape e ortiche a colazione - in fondo c’è un po’ di calore, “siamo noi che bruciamo”, la soluzione finale dei corpi andati in combustione. “Le malattie e le infezioni sono all’ordine del giorno, le coperte sono covi di cimici, dormiamo ammassati”, su 24 ore, 12 le spezzano ai lavori forzati. Lì, nella fabbrica di morte, dove la sete graffia la gola e l’urina, a volte, è bevanda che consola, c’è anche Jolie Gauthier (Tatiana Alescio),   che con un arrotare di “r” e un’aristocrazia ostentata, si concede un ballo, l’ufficiale è immaginario, la musica mai l’ha abbandonata. E, poi, c’è la voce fuori campo: ”Achtung! – il suono, questa volta,   è duro e aspro -  durante il tragitto per andare a lavorare, dovrete cantare in tedesco. Una zuppa calda vi aspetta al rientro: un litro per quattro persone“.

img-20230127-wa0027.jpeg

Nessun riferimento alla mancanza di stoviglie,  alla brodaglia, alle mani che rastrellano in  un unico secchio, alla vita calpestata che riduce in bestie e che ormai è all’ultima fermata. Alla fine dello spettacolo, a cui è seguito un ampio dibattito, la regista, Tatiana Alescio, ha raccontato agli studenti  delle travagliate fasi che hanno preceduto la stesura del testo messo nero su bianco dopo un’approfondita disamina di documenti e un esame di coscienza sull’opportunità o meno di trasporre quei drammatici contenuti. Ma la pregnanza della parola ha imboccato la strada e sotto l’azzurro del cielo brilla la felicità, aspettiamo il domani, sarà certo più leggero.

 

 

©riproduzione riservata 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Siracusa. Numero di iscrizione 01/10 del 4 gennaio 2010

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 

www.notabilis.it  |  All Right Reserved Notabilis © 2023 


facebook
youtube
instagram

facebook
youtube
instagram
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Notabilis

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder